Poesia

Vita mia

Vita mia fatti preda di te stessa, in cuore tuo c’è una capanna

ti protegge dal temporale, dal suono di una tromba.

Vita mia fatti logica, fatti furbizia, se sei stanca non crollare

è troppo presto per dormire, giusto il tempo di colorare

angoli di mondo, briciole di stenti, piccoli schiaffi di fango scalfiti.

Vita mia quanta pena tutto attorno, sembra quasi un paradosso

se l’uomo sbaglia non si accorge, se l’uomo vince quanto gode

indifferente dell’ossigeno mancante, egoista della sua ombra prepotente.

Vita mia che cosa strana sopportare, errori, paure, ingiustizie future

sensibilità traballante come il cielo in questo istante, che mi guarda da lassù

quasi a dirmi: “Pensaci tu”.

Vita mia che continui a parlarmi, a stento provi a crederci

crescere, cambiare, sentirsi diversi: non mi riconosci?

Eppure mi guidi, all’orecchio mi gridi soffi spezzati

dondolarsi in questo giorno, percepirsi in fusione

capire chi sei, che sono parte di te, non c’è altra soluzione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *