Poesia

Se non sei tu è l’ombra

Pregai cornici purpuree in cui la sola immagine

Riflesso di me stessa, i soliti sguardi persi

Ritrovare pace dopo piogge costanti, lancette accese

Ad abbagliarmi l’anima

A disegnare spigoli imperfetti

A chiedermi che male c’è

Fare del male, farsi del male

Pensando di poter volare

Tagliare la pelle guarnire cuore e mente.

Pregai cornici più grandi me

Mi ritrovai distesa

Scavalcai parole e ponendo confini

Superando limiti imposti da chi

Se non dalla mia ombra

Inconsapevole e velenosa

Regine di me, tenebre inebriate di tutte voi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *