Ciò che non vedo percepisco

Il libro aperto di un corpo e poi,

la speranza nutrita di fronte a uno specchio,

pericolosa accettazione di uno sguardo angolare.

Perché nascondersi dietro manciate di stoffa

ma perché doversi costringere a non farlo

compiacersi, deridersi, senza nemmeno riconoscersi

in una rivoluzione pomeridiana

ho comparato e ho comprato

una nuova me stessa.

Marta Mancosu

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto