Parole pensierose

Seppur cadendo

Seppur cadendo, in tempi lontani vidi qualcuno che mi salvò per strada. Era un tiepido maggio, alle porte dell’afa, quando la pioggia faticava a sfiorarmi ma la si percepiva spesso nell’aria.

Quella sera, non ci fu molto da dire; quella sera caddi e vidi specchi fluttuare sopra di me. E fu bello, e fu strano, fu triste e scrissi qualcosa sulla parete che mi ospitò stanca, scrissi qualcosa su pensieri appesi su quella luce fredda che ancora ricordo.

Parlare mi venne difficile, coprirmi spontaneo, lasciarmi e sentirmi fu ardua sentenza, arduo passo verso il Paradiso, forse l’Inferno, forse dentro manciate di parole troppo lontane per bagnarsi di ombre cinesi.

Tuttavia pareva magia primaverile, ignara dei giorni a seguire, delle grandi conquiste e di tutte le perdite lasciate su un sedile o aldilà di uno smartphone. Parlare, ascoltare, ridere e piangere, fare una pausa, due, tre, centomila silenzi. Eppur ricordo di aver urlato a qualcuno, su qualcuno, con qualcuno lungo un muro pieno di scritte, in un angolo buio, in una città che pareva essere mia padrona, mia onnipotente regina, inchinarmi, specchiarmi e accucciarmi fino ad addormentarmi.

Così passeggiavo nella piazza che non è tonda, non ha forma propria ma raccoglie dubbi e abbracci, si attorciglia in mezzo ad anelli, si accartoccia se le fai male, si dipinge di grigio quando comincia a fare freddo.

Passeggiare era l’antidoto per sentirmi leggera e svuotata di quelle cadute prima di essere salvata, era il rifugio delle stranezze della mente, delle paure dentro un ritorno ritardato, un piccolo buio addormentato che invece sostava vigile e attento, era una sosta per l’udito, per le mani che colpivano il cemento, per il sale dagli occhi alle due di notte.

Divenne presto e per un lungo periodo amica fragile, una catena per l’anima che tentava di abbracciare casa sua, quella lontana senza l’angolo subito dietro la via. Più passavano i giorni, più il caldo cominciava ad annegare e sciogliersi sui suoi muretti monocromatici, su quei ciottoli invasivi e fastidiosi quando c’erano 30 gradi. Sempre sarò grata, sempre ricorderò con piacere un posto apparentemente così triste, così asettico e insignificante, un via vai di persone e cose, di oggetti e di scarpe, di soldi e di parole, sogni infranti, ombrelli pieghevoli e bucce d’arancia, sigarette a terra, tappi di bottiglia e soste silenziose con le cuffie nelle orecchie.

Quella sera di maggio non mi salvò nessuna piccola ombra di lei, nessun caratteristico sassolino, nessuna goccia di pioggia e nemmeno un angolo di strada a notte fonda.

Seppur cadendo, mi accorsi di non essere sola in quel piccolo mondo che lentamente mi aveva chiamata a farne parte correndo, sostando, respirando a pieni polmoni quell’afa e quel freddo ghiaccio insieme, quello stesso spicchio di terra incollarmi al suolo, chiamarmi col mio nome e con il nome di chiunque passasse di lì.

Seppur cadendo, quella sera di maggio, ho sentito vibrare il contorno dell’anima impigliata, in segreti e delusioni, in paure e stare bene, confidenze e pagine strappate; ho sentito, per la prima volta, di non essere poi così diversa da tutta la miriade di gente che va, passa e calpesta costantemente e incessantemente pezzi di cemento incastrati dentro la pelle, sotto i piedi, dentro il cuore, sopra la testa, per le mani di chi resta, per i profumi di chi sosta come me ma che poi – senza voltarsi – se ne va.

Caddi e rimasi, per un secondo e poco più, a vedere sopra di me tutto quello che c’è, quel poco che vedo per quello che sono, storie di passi verso l’infinità delle cose.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *