Parole pensierose

Blu notte

Ero qui, sono sempre stata io, farmi da padrona, farmi sbagliata, con addosso un’instabile corona, privo di luce uno specchio dietro una piccola grata.
Ero qui, sono sempre stata qui, guardami crescere, talvolta ondeggiare, su onde leggere al di là di questo mare infame, coprirlo, sentirlo, una volta colpirlo con le mani non sarebbe bastato a incollarlo, maledirlo.
Ero qui, sono sempre rimasta intatta, da una maschera di ferro per poco soffocata, lungo un viale di gigli smarriti, ovunque nei vicoli perfino bruciati, sentiti, cuciti, risucchiati, scolpiti.
Ero qui, sempre e solo qui, volgendomi indietro a ricordare il tempo perduto a raggiungere la mia me blu notte, un abito cresciuto, piaciuto, inconsciamente sbattuto. Dove sei ora? Ero qui, ero qui… chiamami ancora
senza risuono, rintocco, pennellate d’aurora.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *